C’è ancora domani: Il film di Paola Cortellesi continua a macinare record, ha superato questi due titoli campioni d’incassi

Sei andato già al cinema a vederlo? Il film di Paola Cortellesi continua a macinare record, ed ha infatti ufficialmente incassato di più di due pellicole di grandissimo successo come Barbie ed Oppenheimer! I due colossal hoollywoodiani nulla hanno potuto di fronte al grandissimo successo di “C’è ancora domani”, film sulla violenza di genere che ha letteralmente conquistato i cuori di tutti gli italiani.

Sebbene Barbie abbia incassato (per il momento) 2 milioni di euro in più, ancora saldo sulla vetta degli incassi annuali a 32 milioni di euro, i biglietti staccati per il film di Paola Cortellesi risultano di più! Ma quale ragione si cela dietro a questo grandissimo successo di pubblico e di critica?

Il film della Cortellesi

Il film è incentrato sulla tematica degli abusi domestici e del patriarcato, in un periodo in cui la discussione su questi temi accende a dir poco l’opinione pubblica. Eppure proprio un film così difficile, che segna l’esordio alla regia della comica Paola Cortellesi, è subito arrivato al primo posto del box office nazionale dopo essere uscito nelle sale a fine ottobre, e questa settimana è diventato addirittura uno dei 10 film di maggior incasso di sempre del paese.

“Certamente sono sorpresa”, ha dichiarato la Cortellesi durante un’intervista. “È un bel film e sono soddisfatta di quello che ho fatto”. La regista ha da subito attribuito la popolarità diffusa del film all’“aver toccato un nervo scoperto del paese”.

Il film – che riesce ad essere allo stesso tempo straziante ed edificante – è arrivato in un momento in cui, come avevamo anticipato, la violenza domestica, il femminicidio e i diritti delle donne hanno trovato moltissimo spazio su tutte le piattaforme media, dopo la tragica vicenda di Giulia Cecchettin.

Ingresso di un cinema
Ingresso di un cinema – Clem Onojeghuo – Pexels.com

“C’è ancora domani” è ambientato nel 1946, in una Roma ancora alle prese con la povertà e le conseguenze della Seconda Guerra Mondiale. Cortellesi, 50 anni, co-autrice della sceneggiatura, ha detto che stava rimuginando sui temi del film (disparità, violenza domestica e diritti delle donne) “da molto tempo”.

Il film cattura le lotte quotidiane della protagonista, Delia, il cui marito è dipinto come un uomo fortemente maschilista, che abusa tranquillamente di lei in un mondo in cui i ruoli delle donne sono sottovalutate e le loro opinioni vengono ignorate con disprezzo. È liberamente ispirato ai racconti che le nonne della Cortellesi le trasmettevano da bambina, per farle capire cosa volesse dire essere donna in quel periodo.

Persone al cinema
Persone al cinema – Luis Quintero – Pexels.com

Chi è Paola Cortellesi?

Paola Cortellesi è una attrice, doppiatrice e comica italiana che ha da poco compiuto 50 anni. Un anno perfetto per festeggiare visto e considerato anche il successo del suo esordio dietro la cinepresa!

Paola Cortellesi ha iniziato la sua carriera televisiva con lo show “Macao”, condotto da Alba Parietti. La sua popolarità nazionale è cresciuta grazie alla partecipazione alla serie televisiva “Mai dire Gol” della Gialappa’s Band nel 2000, dove ha dimostrato la sua abilità nella parodia di personaggi famosi, ottenendo apprezzamenti per le sue interpretazioni.

Paola ha continuato a collaborare con diversi programmi televisivi della serie “Mai dire…” della Gialappa’s Band. Altre significative apparizioni televisive includono la conduzione dell’edizione 2004 del Festival di Sanremo e il ruolo da protagonista nel film TV “Maria Montessori: Una vita per i bambini”, una biografia di Maria Montessori, per la quale ha ricevuto il “Premio Maximo” al Festival della narrativa romana.

Lascia un commento