in

Sandali bassi, una buona alternativa agli scomodi décolleté?

Sandali bassi - Foto di Monstera Production/ Pexels.com
Sandali bassi - Foto di Monstera Production/ Pexels.com

I sandali bassi sono da sempre considerati una delle alternative migliori alle scomode scarpe con il tacco, soprattutto in vista di una cerimonia, per andare a lavoro o semplicemente per uscire. In estate poi, siamo sempre più propense ad indossare sandali bassi e aperti, perché sembra che solo in questo modo possiamo tenere il piede libero di respirare a causa del caldo e delle temperature troppo alte.

La verità è che non sempre i sandali bassi fanno bene alla nostra salute. Infatti, proprio come le scarpe con il tacco, anche i sandali bassi possono causare alcuni problemi, soprattutto se abbiamo la tendenza ad indossare questa tipologia di scarpe ogni giorno. In questo articolo, scopriremo la verità sui sandali bassi. Ci fanno davvero male? Ecco tutto quello che c’è da sapere. 

I pro e i contro dei sandali bassi

Non sempre indossare i sandali bassi potrebbe far bene alla nostra salute, perché potrebbero causare non pochi problemi alle nostre articolazioni. In particolare, i sandali bassi non fanno bene a chi soffre di dolori alle ginocchia, perché se indossati troppo a lungo aumentano dolori e infiammazioni con piedi gonfi a fine giornata. Questo succede proprio perché una delle principali problematiche dei sandali bassi consiste nel non avere supporto plantare. La conseguenza maggiore è che non riusciamo a distribuire correttamente il peso del corpo e abbiamo una postura scorretta.

Quando indossare i sandali bassi

Come abbiamo già accennato e come possiamo notare dalle nostre povere gambe a fine giornata, indossare i sandali bassi tutti i giorni non fa bene alla nostra salute. Tra i problemi maggiori potremmo riscontrare affaticamento articolare e muscolare a gambe, piedi e polpacci, ma anche alla colonna vertebrale. Per questo motivo è molto importante scegliere dei sandali bassi che abbiano almeno un po’ di tacco, in questo modo da non schiacciare tutto il peso sulla pianta dei piedi, problema che potrebbe ancora di più aggravarsi se si soffre di piedi piatti. Inoltre, i sandali bassi sono anche pericolosi perché più vulnerabili a eventuali cadute o storte per colpa della loro instabilità e mancanza di sostengo alla caviglia.

I sandali bassi non hanno appoggio e se quando li indossiamo tendiamo ad assumere posizioni scorrette per poter mantenere l’equilibrio, andremo a peggiorare la circolazione. Inoltre, ritenzione idrica, cellulite e cattiva circolazione possono essere verificarsi proprio a causa del cattivo e prolungato utilizzo dei sandali bassi. Ma quindi, quando indossare questa tipologia di scarpa? Va bene indossarli ma non sempre e soprattutto non tutti i giorni. 

Concludendo, per risolvere questi problemi, è necessario variare le scarpe che indossiamo. Sicuramente è sempre meglio non indossare le stesse scarpe tutta la giornata e quando si indossano i sandali bassi cercare di non assumere atteggiamenti sbagliati, come una postura scorretta, che potrebbe portarci problemi maggiori.

Unghie Tiffany e rosa

Unghie Tiffany e rosa: Le nails art più belle da replicare sulle vostre mani

Unghie oro

Unghie oro: la nail art più scintillante di sempre da provare